Recipes

Gli arancini di riso

Una ricetta forse un pochino laboriosa ma senz’altro gustosa quella degli arancini, una specialità della cucina tradizionale siciliana che vi sorprenderà!

Difficoltà:
Tempo di cottura: 50 minuti

Ingredienti per 15 arancini:
500 gr. di riso (arborio o roma)
1 busta piccola di zafferano
formaggio, 350 gr. di carne trita mista (anche con maiale)
150 gr. di piselli piccoli
200 gr. di salsa di pomodoro
150 gr. di formaggio grattugiato (meglio se caciocavallo)
3 uova
200 gr. di farina
400 gr. di pangrattato
Sale
Pepe

Per preparare gli arancini occorre prima lessare il riso in una pentola d’acqua salata aggiungendo durante l’ebollizione la bustina di zafferano.
Quando sarà pronto e giallo grazie allo zafferano, aggiungete due o tre cucchiai d’olio per evitare che possa risultare troppo colloso a causa dell’amido e successivamente il caciocavallo grattugiato. Girate il tutto con un cucchiaio e lasciate riposare mentre preparate il ripieno.
In un tegame soffriggete la carne trita e aggiustate di sale e pepe, unitevi la salsa di pomodoro ed infine i piselli che avrete precedentemente sbollentato in acqua salata. Otterrete un sugo piuttosto denso di carne e piselli, lasciate cuocere per almeno 10 – 15 minuti.
A questo punto potete prendere il riso e farne delle palle della dimensione di una piccola arancia; con un cucchiaio aiutatevi ad inserire nella parte più centrale dell’arancino il ripieno di carne al sugo con i piselli, quindi ricoprite con un po’ di riso e riformate la vostra arancia piccola. Eseguito questo procedimento non vi resta che passare le arancine nella farina e successivamente nell’uovo sbattuto con una presa di sale. Passate poi nel pangrattato e friggete accuratamente in olio d’oliva.
Gli arancini sono buoni sia caldi che freddi ma noi vi consigliamo di gustarli caldi per assaporare il formaggio che fonde rendendoli ancora più squisiti.

 

 

Il passato di fave fresche (Maccu verde)

La ricetta del passato di fave è veramente semplice e gustosa, come pure semplici sono gli ingredienti utilizzati. Con qualche variazione ingegnosa, questo primo piatto regala piacevoli sorprese per il palato!

Difficoltà:
Tempo di cottura: 2 ore

Ingredienti per 4 persone:
2 kg. di fave
1 cipolla di medie dimensioni
Olio extravegine d’oliva
Finocchietto selvatico
Sale

Tritate finemente la cipolla e fatela rosolare in un tegame. Preparate le fave sbucciandole ed aggiungetele con un mazzetto di finocchietto tritato.
Dopo aver rosolato anche le fave, aggiungete acqua fino a coprirle e lasciate cuocere per almeno due ore aggiungendo altra acqua quando si asciuga.
Abbiate cura di schiacciare via via le fave mentre le girate, ovviamente con un cucchiaio di legno.
Quando il tempo di cottura sarà trascorso vi ritroverete con una purea di fave, aggiungete olio e pepe a piacere e servite tiepido o freddo.

 

La pasta con le sarde

La pasta con le sarde è una ricetta tipica della cucina palermitana anche se ormai è possibile gustarla, con numerose varianti, in tutta la sicila.

Difficoltà:
Tempo di cottura: 50 minuti

Ingredienti per 4 persone:
1 Kg. di finocchietti di montagna
2 cipolle
3 acciughe salate
50 gr. di uva sultanina
50 gr. di pinoli
1 bustina di zafferano
500 gr. di sarde fresche
500 gr. di bucatini
Olio
Sale

Mettete l’uvetta a bagno in acqua tiepida. Tagliate a pezzetti i finocchietti, bolliteli in acqua salata e poi scolateli, tenendo da parte l’acqua della bollitura. Affettate le cipolle e fatele soffriggere in una teglia bella larga, quindi unite al soffritto le acciughe spappolate. Pulite le sarde, eliminando la testa, la coda, la lisca e le interiora poi tagliatele a pezzi e fatele rosolare insieme al soffritto di acciughe e cipolla. Aggiungete i finocchietti lessati, salate il tutto e fate cuocere a fuoco moderato per dieci minuti circa. Unite l’uva sgocciolata, i pinoli e lo zafferano e cuocete per altri cinque minuti mescolando bene. Fate cuocere i bucatini nell’acqua di bollitura dei finocchietti e scolateli quando sono ancora al dente, poi unite il condimento e mescolate bene il tutto. Aspettate dieci minuti e servite in tavola.

 

 

Il baccalà palermitano

Gli ingredienti del baccalà palermitano, fra cui olive e capperi, sono tipici siciliani; un piatto non particolarmente impegnativo che vi regalerà il profumo del mare.

Difficoltà:
Tempo di cottura: 30 minuti

Ingredienti per 4 persone:
900 gr di filetti di baccalà
½ kg di patate
200 gr di olive verdi
1 cipolla di grandezza media
1 cuore di sedano
100 gr di capperi sotto sale
200 gr di farina
1 bicchiere di vino bianco secco
Prezzemolo
Sale
Pepe
Olio d’oliva

Preparare in una padella un fondo di olio dove soffriggere la cipolla tritata finemente con sedano e prezzemolo ugualmente tritati. Infarinare i filetti di baccalà e disporli nella padella dove è stato preparato il fondo precedentemente soffritto. Farli dorare da entrambe le parti facendo bene attenzione a non spezzarli troppo, aggiungere il vino bianco e lasciare evaporare l’alcool in esso contenuto. Pelare le patate e tagliarle a bastoncini di circa 1/2 cm di larghezza, aggiungetele al baccalà con le olive verdi denocciolate ed i capperi che saranno prima sciacquati con abbondante acqua. Allungare con acqua sino a coprire i filetti di baccalà, salare e pepare a piacere e lasciar cuocere per una ventina di minuti. Servire con un’abbondante spolverata di prezzemolo tritato.